Gruppi adolescenti

 

Da alcuni secoli la comunità cristiana bergamasca si prende a cuore e cura l’educazione delle giovani generazioni.

Questo costituisce il punto di partenza della presente proposta. Ma non ne è la ragione profonda: tutti sanno che limitarsi al “si è sempre fatto così” nasconde il fatto di non avere ragioni più sostanziose. La cura delle giovani generazioni è qualcosa di più. È la capacità di una comunità cristiana di riconoscere che il primo atto di carità è proporre un cammino educativo che coinvolga radicalmente la fede, affinché essa sia il fondamento della stessa vita.

Ciò fa riferimento diretto allo stile di Gesù e del vangelo: non abbandonare l’altro sulla sua strada nel momento del bisogno e condurlo al suo vero e profondo bisogno: credere nel Padre. E questo vale ancora di più quando la persona in questione è piccola, povera, fragile. E la crescita di una persona è momento delicatissimo, bisognoso di cura e di attenzione. Una comunità che non lascia soli i suoi piccoli nel momento della crescita, sta ripentendo e testimoniando gli stessi gesti di attenzione e cura che da sempre il Padre manifesta nei confronti dell’umanità. 

La sfida più importante del cammino educativo nella fede è proprio che essa riguarda non tanto alcune abilità o capacità da acquisire o migliorare, quanto la ragione stessa del vivere, di cui nessuno è maestro. L’educazione è il primo atteggiamento missionario dell’adulto cristiano, che testimonia la sua fede proprio mettendo i suoi piccoli nella condizione di apprezzare la bellezza del Regno che viene, diventando liberamente e maturamente discepoli di Gesù.
Per questo una comunità che si occupa delle giovani generazioni non fa altro che esercizio di cura anche verso se stessa: c’è da decidere che cosa testimoniare e proporre a questi ragazzi, c’è da sapere che cosa sta a cuore alla comunità, in particolare che cosa c’è nel cuore dei suoi componenti più adulti. Tutto questo avviene solo attraverso un discernimento attento della situazione stessa della comunità: essa non può dimenticare di dover tornare continuamente al Vangelo per attingere le parole, i pensieri, i gesti del Maestro, quelli che possono animare la vita dell’uomo di oggi e continuare a renderla piena.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Payday Loans